Cosa è una VLAN (Virtual Local Area Network) e a cosa serve?

La VLAN divide, ma non troppo.

 

Una VLAN è una rete “personalizzata” creata da una o più LAN esistenti. Una VLAN consente di combinare gruppi di dispositivi provenienti da più reti (sia cablate che wireless) in un’unica rete logica. Il risultato è una LAN virtuale che può essere amministrata come una rete locale fisica. Le VLAN aggirano le limitazioni fisiche di una LAN attraverso la loro natura virtuale, consentendo alle organizzazioni di scalare le loro reti, segmentarle per aumentare le misure di sicurezza e ridurre la latenza della rete.

Primo esempio di VLAN.

Supponiamo che una grossa azienda abbia 5 gruppi specialistici all’interno di un unico edificio o campus: amministrazione, finanza, controlo qualità, marketing e sviluppo. Anche se questi gruppi sono distribuiti in più sedi , le VLAN possono essere configurate per ciascuna di esse. Ad esempio, ogni membro del team di sviluppo potrebbe essere assegnato alla rete “sviluppo”, che non sarebbe accessibile dagli altri team. Questo tipo di configurazione limita l’accesso non necessario alle informazioni riservate e fornisce una maggiore sicurezza all’interno di una struttura di rete.



 

Protocolli VLAN

Poiché il traffico proveniente da più VLAN può viaggiare sulla stessa rete fisica, i dati devono essere mappati su una rete specifica. Questo viene fatto utilizzando un protocollo VLAN, come IEEE 802.1Q, ISL di Cisco o VLT di 3Com. La maggior parte delle VLAN moderne utilizza il protocollo IEEE 802.1Q, che inserisce un’intestazione aggiuntiva o “tag” in ogni frame Ethernet. Questo tag identifica la VLAN a cui appartiene il dispositivo di invio, impedendo che i dati vengano instradati verso sistemi al di fuori della rete virtuale. I dati vengono inviati tra gli switch utilizzando un collegamento fisico chiamato “trunk” che collega tra loro gli switch. Il trunking deve essere abilitato affinché uno switch passi le informazioni VLAN ad un altro.

VLAN trunking protocol

l protocollo VLAN trunking protocol (VTP) è il protocollo che gli switch utilizzano per comunicare tra loro sulla configurazione della VLAN .

vlan
vlan – le porte trunk



Nell’immagine sopra, ogni switch ha tre VLAN. Sul primo switch, la VLAN 10 e la VLAN 11 VLAN 13 sono inviate attraverso una singola porta (trunked). Questo trunk può trasportare il traffico da tutte e per tutte  e tre le VLAN.

Un trunk VLAN è un collegamento OSI Layer 2 tra due switch che trasporta il traffico per tutte le VLAN (a meno che la lista VLAN consentita non sia limitata manualmente o dinamicamente). Per abilitare i trunk link, configurare le porte su entrambe le estremità del collegamento fisico con set di comandi paralleli.

Scendiamo un po.

Il VLAN Trunking Protocol (VTP) è stato sviluppato da Cisco per ridurre lo sforzo di amministrazione delle VLAN in una rete commutata, ed è  un protocollo proprietario Cisco. Lo standard IEEE paragonabile al VPT ed in uso presso altri produttori è il GARP VLAN Registration Protocol (GVRP), e più recentemente Multiple VLAN Registration Protocol (MVRP).

Ci sono due importanti compiti da svolgere quando si creano VLAN in una rete commutata: la creazione di VLAN e l’assegnazione di porte switch alle VLAN.

Il primo compito richiede che l’amministratore di rete definisca tutte le VLAN di ogni switch in una rete commutata. Se eseguita manualmente accedendo ad ogni switch, questa può essere un’operazione noiosa su una rete di grandi dimensioni che coinvolge un gran numero di switch ed è anche soggetta ad errori. Le VLAN possono essere create su un solo switch e queste informazioni VLAN vengono propagate attraverso messaggi VTP a tutti gli switch della rete. Questo non solo riduce notevolmente lo sforzo, ma riduce anche la possibilità di errore. VTP permette di aggiungere, cancellare e rinominare le VLAN su un singolo switch e queste informazioni vengono poi propagate a tutti gli altri switch nel dominio VTP.