WiFi 6 802.11ax. La nuova frontiera per le WLAN.

Cos’è il WiFi 6?

Wi-Fi 6 è la prossima evoluzione della tecnologia WLAN (Wireless Local Area Network). Il nome WiFi 6 fa parte di una nuova convenzione di denominazione che la Wi-Fi Alliance ha imposto agli standard Wi-Fi per renderli più facilmente comprensibili agli utenti Wi-Fi, rendendoli molto simili alla convenzione di denominazione 3G/4G/5G utilizzata dalle reti dati cellulari. Le nuove denominazioni non hanno nulla a che fare con la velocità, le capacità di banda o altri parametri tecnici di riferimento, sono puramente generazionali.

Dietro il nome Wi-Fi 6 c’è l’ultima versione dello standard di rete wireless 802.11: 802.11ax. Questo nuovo standard Wi-Fi è, secondo quanto riferito, fino al 30% più veloce di Wi-Fi 5, ma la velocità non è stato il principale vantaggio pubblicizzato dalla Wi-Fi Alliance e da altri esperti del settore.

Wi-Fi 6 porta anche una minore latenza, più dati contemporaneamente consegnabili e una migliore efficienza energetica. Per fornire questi cambiamenti, Wi-Fi 6 sta migliorando e introducendo una nuova tecnologia.

 

WiFi-6
WiFi 6



Applicazioni ad alta densità.

Wi-Fi 6 aiuterà le applicazioni nelle industrie che hanno una forte domanda di throughput e requisiti di alta densità. Settore come quello degli aeroporti in cui si ha un elevato volume di utenti di passaggio in un dato momento, sia che si utilizzi l’aeroporto come punto di trasferimento o come luogo di partenza, l’accesso Wi-Fi per informazioni o intrattenimento per passare un po’ di tempo è imperativo.

Altri ambiti di utilizzo includono gli istituti di istruzione superiore, come i college e le università, con la loro ampia e diversificata base di utenti di applicazioni e di dispositivi.

Anche l’assistenza sanitaria sta vivendo una crescente necessità di modernizzare i servizi con gli IoT.

Le Smart City con i loro vari dipartimenti, gli edifici civici e i cittadini hanno tutti la stessa necessità, hanno bisogno di migliori prestazioni di rete. La lista potrebbe continuare all’infinito! Qualsiasi rete che deve fornire il supporto per applicazioni ad alta velocità in un ambiente ad alta densità beneficerà al massimo del Wi-Fi 6.



Una manciata di termini tecnici.

Wi-Fi 6 è la prima iterazione di 802.11 ad includere l’accesso multiplo a divisione di frequenza ortogonale (OFDMA), che è un miglioramento rispetto al multiplexing a divisione di frequenza ortogonale (OFDM).

La differenza principale tra OFDM e OFDMA è il modo in cui gestisce il servizio di più dispositivi collegati. L’OFDM trasmette il traffico ad un solo destinatario alla volta, il che può creare ritardi mentre gli utenti aspettano il loro turno per i dati. L’OFDMA può trasmettere dati a più dispositivi contemporaneamente, suddividendo il traffico in pacchetti più piccoli per eliminare la coda.

Wi-Fi 6 estende le capacità di Multi-User Multi-Input/Multi-Output (MU-MIMO). MU-MIMO era precedentemente disponibile solo per le connessioni a valle e permetteva ad un dispositivo di inviare dati a più ricevitori contemporaneamente; Wi-Fi 6 aggiunge le capacità MU-MIMO anche alle connessioni a monte, permettendo così più dispositivi simultanei su una rete.

L’OFDM è utilizzato dagli standard Wi-Fi 5, 4 e precedenti per codificare e trasmettere dati. In sostanza, OFDM permette a più client o punti di accesso (AP) di contendersi la capacità di trasmettere dati; una volta che la rete è inattiva, i dati possono essere trasmessi. L’OFDM è un modo popolare e affidabile per decentralizzare l’accesso, ma ha un grosso problema: può portare a una grave latenza.