Google legge le nostre mail ? Ma anche gli sviluppatori ?

Tu scrivi , noi leggiamo .

Google legge email ?

Il Wall Street Journal ha riferito il 02/07/2018 che Gmail permette alle società di dati e agli sviluppatori di vedere l’email degli utenti e i dettagli privati, e di leggere interi messaggi. Secondo una storia correlata su The Verge, mentre alcune applicazioni e-mail “hanno bisogno di ricevere il consenso dell’utente, il modulo di consenso non è esattamente chiaro che consentirebbe agli “esseri umani” – e non solo ai computer – di leggere le tue e-mail”. Inoltre, Google ha detto a The Verge che fornisce dati solo a “sviluppatori terzi controllati e con il consenso esplicito degli utenti” e anche che i dipendenti di Google possono leggere la tua e-mail, ma solo in “casi molto specifici in cui l’utente ci chiede e dà il consenso, o dove abbiamo bisogno di per scopi di sicurezza, come ad esempio indagini su un bug o un abuso”.

 Google said a year ago it would stop its computers from scanning the inboxes of Gmail users for information to personalize advertisements, saying it wanted users to “remain confident that Google will keep privacy and security paramount.”

La risposta di Google

Google il 03/07/2018 risponde alle polemiche sugli sviluppatori esterni che hanno accesso alle caselle di posta elettronica
“Rendiamo possibile l’integrazione delle applicazioni di altri sviluppatori con Gmail, come i client di posta elettronica, i pianificatori di viaggio e i sistemi di gestione delle relazioni con i clienti (CRM), in modo da offrire opzioni su come accedere e utilizzare la posta elettronica”, ha scritto Suzanne Frey, responsabile di Security, Trust & Privacy di Google Cloud.Frey ha assicurato che queste applicazioni passano attraverso un rigoroso processo di scrutinio prima che venga dato loro accesso.

Google ha ragione quando dice che dà trasparenza e controllo all’utente finale. “Hai sempre la possibilità di passare alle tue impostazioni e rimuovere l’accesso a una qualsiasi delle applicazioni che ti hanno chiesto il permesso di leggere le tue caselle di posta per offrirti servizi come e-mail e promemoria calendario“. Tuttavia, guardando quanto facilmente gli utenti possono essere indotti a dare accesso alle app, questa sembra una scommessa che Google non dovrebbe correre il rischio di fare.

Nel suo post sul blog, Google sta cercando di ritrarre se stessa come una società che non è come Facebook che darebbe accesso a centinaia di milioni di dati degli utenti ‘ad un ricercatore casuale. In un tono che suona molto simile a quello di Apple, Google dice che non fa soldi dando agli sviluppatori l’accesso API.

 Key : google legge email