Gli USA iniziano ufficialmente le operazioni informatiche offensive.

“Faremo molte cose in modo offensivo”, ha detto Bolton.

Puoi ascoltare l’articolo (Beta)

.

Ricordate l’Integrated Network Electronic Warfare  messa in campo dall’Esercito Popolare di Liberazione cinese ?

I cinesi hanno adottato una strategia formale di IW chiamata “Integrated Network Electronic Warfare” (INEW) che consolida la missione offensiva sia per Computer Network Attack (CNA) che per l’attacco alla rete informatica (CNA) e Guerra Elettronica (EW).

Guerra informatica

Sulla scia delle dimostrazioni russe di avanzate capacità di disturbo dello spettro elettromagnetico e delle comunicazioni, recentemente mostrate nella loro incursione in Ucraina, anche la Cina sta aumentando il suo gioco in questo spazio, dimostrando capacità simili nel Pacifico.

Donald Trump , quindi , non si è fatto attendere lanciando una nuova strategia informatica nazionale.

Il presidente, ha autorizzato l’aumento dell’uso di “operazioni informatiche offensive” contro gli avversari statunitensi.

Le speranze degli Stati Uniti, schierando misure offensive può scoraggiare i ciberattacchi che prendono di mira le infrastrutture critiche e altri sistemi, ha detto Bolton. Gli USA devono dimostrare  agli avversari che il costo “è superiore a quello che vogliono  e possono sopportare”.

In una lettera, Trump, ha detto che le nuove linee guida hanno dimostrato il suo impegno a proteggere l’America dalle minacce digitali. “È una chiamata all’azione per tutti gli americani e le nostre grandi aziende a prendere le misure necessarie per migliorare la nostra sicurezza informatica nazionale”, ha detto. “Continueremo a guidare il mondo nell’assicurare un prospero futuro cibernetico”.



operazioni informatiche offensive

La strategia di Trump, che egli definisce la “prima strategia informatica completamente articolata in 15 anni”, sostituisce quella attuata sotto l’amministrazione Obama. Il governo degli Stati Uniti ha sviluppato da tempo armi informatiche, virus e altri strumenti utilizzati per sorvegliare e sabotare i sistemi di nazioni straniere, come la Cina e l’Iran.

“Faremo molte cose in modo offensivo”, ha detto Bolton.

Alla domanda se consideri gli Stati Uniti attivamente coinvolti in una “guerra cibernetica”, Bolton ha detto di non accettare quella “caratterizzazione”. Ma con le mani non più legate, ha detto, si aspettano che gli Stati Uniti colpiscano più frequentemente.

E che guerra sia !