Cosa? L’Olanda (DPA) controlla i dati che Microsoft invia ai propri server?

Una cosa che in Italia non succederà mai!

Le preoccupazioni sulla privacy non diminuiscono per gli utenti del sistema Microsoft Windows 10. Anche se la maggior parte degli utenti di questo sistema non si preoccupano troppo della sicurezza delle loro informazioni, gli esperti di hacking etico sostengono che molteplici malintenzionati passano molto del loro tempo ad aspettare il momento giusto per sfruttare le vulnerabilità o approfittare delle cattive pratiche di sicurezza degli utenti e delle aziende.

La buona notizia è che, proprio come gli utenti malintenzionati, ci sono varie aziende, agenzie governative e organizzazioni senza scopo di lucro interessate a che le aziende si attengano alle migliori pratiche di sicurezza delle informazioni.

microsoft gigante con i piedi d'argilla
microsoft & privacy

DPA

L’autorità olandese per la protezione dei dati è  Dutch: Autoriteit Persoonsgegevens, AP) . Di fatto è un organo amministrativo indipendente che è stato nominato per legge come autorità di controllo per il trattamento dei dati personali. L’organizzazione si occupa pertanto della privacy. I doveri della AP derivano dalla direttiva sulla protezione dei dati che si applica a tutti i paesi dell’UE. Questa direttiva è stata sostituita dal regolamento generale sulla protezione dei dati. La legge di attuazione del regolamento generale sulla protezione dei dati ha sostituito la legge sulla protezione dei dati personali e ha nominato il PA come supervisore.



L’Autorità per i dati personali ha il dovere statutario di valutare se le persone e le organizzazioni rispettano la legge olandese sulla protezione dei dati personali, comprese le organizzazioni governative. L’AP controlla anche il rispetto della legge sui dati della polizia, della legge sulle banche dati dei dati personali comunali e di tutte le altre disposizioni di legge relative al trattamento dei dati personali.

DPA cosa si è permessa di fare?

L’Agenzia olandese per la protezione dei dati (DPA), ad esempio, ha proposto e testato alcune modifiche a Windows 10 che consoliderebbero la sicurezza di questo sistema operativo; la cattiva notizia è che questo è successo dopo che è stata rivelata un’indagine su violazioni della legge olandese sulla protezione dei dati.

Anche se Microsoft ha rispettato le richieste multiple di privacy dei dati, la nostra ricerca ha rivelato che l’azienda continua a raccogliere una grande quantità di dati di telemetria degli utenti di Windows 10, così una nuova ricerca sulle politiche di raccolta dati di Microsoft è sulla sua strada“, dice una dichiarazione di DPA.

Poiché la sede europea dell’azienda si trova in Irlanda, spetta al Comitato irlandese per la protezione dei dati indagare sulle nuove accuse contro l’azienda. Tuttavia, in caso di non conformità, Microsoft sarà penalizzata in conformità con le disposizioni del regolamento generale dell’Unione europea sulla protezione dei dati (GDPR).

Si tratta di un dato di grande rilevanza, in quanto GDPR infligge ammende fino al 4% dei profitti annuali di un’impresa. In questo caso, Microsoft potrebbe essere multata fino a 3,2 miliardi di euro se le autorità stabiliscono che l’azienda ha subito violazioni della privacy degli utenti.

Le autorità cercano di determinare se l’azienda spiega il processo di raccolta dati agli utenti in modo sufficientemente chiaro e se Microsoft stia raccogliendo più informazioni di quante ne ammette.

Microsoft : “Lavoreremo con la Commissione irlandese per la protezione dei dati per indagare e per risolvere eventuali questioni che sorgono durante questo processo

Al vaglio del Garante privacy irlandese potrebbero esservi anche i messaggi vocali riprodotti dall’assistente digitale Cortana: l’utente potrebbe essere indotto a fornire più consensi di quanti realmente necessario.



Comunque

Chi volesse disabilitare parte delle comunicazioni con i server Microsoft, esiste un software : WPD.

The real privacy dashboard for Windows.

Un piccolo ma potente strumento portatile che funziona tramite le API di Windows. WPD è il modo più comodo e adatto per personalizzare le impostazioni relative alla privacy in Windows.

Sistemi operativi supportati

  1. Windows 10 Enterprise 1903, 1809, 1803, 1709, 1703, 1607
  2. Windows 10 Enterprise LTSC 2019, 2016, 2015
  3. Windows 10 Education 1903, 1809, 1803, 1709, 1703
  4. Windows 10 Pro 1903, 1809, 1803, 1709, 1703, 1607
  5. Windows 10 Home 1903, 1809, 1803, 1709, 1703
  6. Windows Server Standard 2016, 2019
  7. Windows 8-8.1
  8. Windows 7

Gestione della privacy
Adeguare la Group Policy, i servizi, le attività e le altre impostazioni responsabili della raccolta e della trasmissione dei dati.

Blocco IP
Blocca gli IP di telemetria utilizzando le regole del repository @crazy-max.

Disinstallatore di Appx
Facile rimozione della spazzatura (fonte https://wpd.app/)  preinstallata di Microsoft Store o di qualsiasi altra applicazione.