Come ampliare la copertura WiFi : Casa & Lavoro due logiche distinte.

Il 90% delle utenze domestiche ha questo problema

 

Ampliare copertura di una rete WiFi
copertura WiFi

Navigare con rallentamenti,  l’incapacità di uno streaming fluido, segnale Wi-Fi che cade , le zone “morte” senza connessione: ormai siamo in un mondo in cui la connessione è diventata, per alcuni, necessaria quanto bere acqua. Queste difficoltà cambiano aspetto quando si parla di connettività  in ambito aziendale.

Se per le utenze di tipo domestico , l’acquisto e l’installazione di un ripetitore di segnale wifi (Range Extender ) risolve 80% dei problemi , in ambito “industriale” coprire con efficacia superfici ampie e non lineari è un vero problema. L’utilizzo di un Range Extender wireless (utenza domestica)  è uno dei modi più semplici per migliorare la portata. Questi prodotti ripetono il segnale wireless esistente, offrendo una portata Wi-Fi migliore senza dover utilizzare cavi fisici. Per ottenere i migliori risultati, è necessario posizionare l’estensore a metà strada tra il router esistente e l’area in cui la ricezione è scarsa.

Sempre per le utenze di tipo domestico, la distanza è il problema più ovvio: c’è una certa distanza limite che il segnale wireless può percorrere. Se la rete deve coprire un’area più grande di quella a cui il router è in grado di trasmettere, o se ci sono molti angoli da aggirare e muri da penetrare, le prestazioni decadranno. L’interferenza è anche un grande problema, soprattutto per coloro che vivono in aree densamente popolate. I segnali provenienti da altre reti wireless e dalle apparecchiature elettroniche possono influire sulla velocità, così  gli ostacoli fisici come le pareti.

 


Per le installazioni “industriali” il discorso cambia

Per estendere la copertura wifi , abbiamo a disposizione tre opzioni , ma per ogni opzione scelta ci troveremo di fronte a delle variabili sia positive che negative.

Assegnare un SSID diverso ad ogni punto di accesso ripetitore/ap.

In tale configurazione, i terminali, vedranno reti WiFi completamente indipendenti e in presenza di terminali con alta mobilita’ sin quando una “cella” non cadra’, quindi non sara’ piu’ raggiungibile, non cambiera’ SSID e in caso di connettivita’ ridotta, sara’ necessario passare da un SSID all’altro manualmente

Pro:

Di facile configurazione. Si ha il pieno controllo di ogni punto di accesso. Se opportunamente configurati, i client alla perdita di segnale, sceglieranno tra quelli visibili , il SSID piu’ performante.

Contro:

Se ci si allontana da un AP/Ripetitore, ci si ritrova nella situazione che si e’ connessi al SIID-A con segnale bassissimo ma con linea ancora su e non si passa in automatico al SSID-B con segnale e prestazioni molto piu’ performanti.  Verra utilizzato un grande numero di canali anche adiacenti, che potrebbe portare a un gran numero di collisioni.

Canali WiFi -ampliare copertura WiFi
copertura WiFi

Assegnare lo stesso SSID e credenziali di accesso ma diversi canali per ciscun AP/Ripetitore.

In questo scenario, i dispositivi ,se aderenti allo standard al 100%, dovrebbero assumere automaticamente che questi punti di accesso AP/Ripetitori appartengono alla stessa rete fisica e dovrebbero passare automaticamente fra i canali quando necessario.

Pro:

Facile da configurare con qualsiasi hardware WiFi I dispositivi possono passare automaticamente ad un punto AP/Ripetitore per connettersi ad un segnale migliore.

Contro:

Alcuni dispositivi non supportano la commutazione automatica e sara’ necessario un cambio di tipo manuale in presenza di segnale migliore. Molti dispositivi che supportano la commutazione automatica, faranno il cambio SSID solo all’ultimo momento quando hanno quasi perso il segnale di un AP/Ripetitore cercando un SSID migliore. In molti casi, questo scenario prevede una perdita di pacchetti durante la commutazione , che potrebbero interferire su servizi di tipo VoIp o Streaming. Verrà utilizzato un grande numero di canali anche adiacenti, che potrebbe portare a un gran numero di collisioni.

Impostare un Sistema in cui i gli AP/Ripetitori gestiscano e siano gestiti per “produrre” un’unica “RETE” con unico “SSID”

In questa configurazione esiste un’unica “RETE” con un unico “SSID” che convivono sullo stesso canale. Tutti i gli AP/Ripetitori trasmetteranno e riceveranno sulla stessa frequenza. Gli AP/Ripetitori parleranno tra loro per assicurarsi che i pacchetti non vengano ricevuti più di una volta. Gli AP/Ripetitori saranno loro a decidere il “chi” deve inviare e ricevere il pacchetto ad un Client in un determinato momento e i Client non avranno conoscenza di quale AP/Ripetitore sta “parlando” con lui, ma vedranno una sola unica rete con un solo unico AP/Ripetitore.

Pro:

La commutazione automatica funziona per qualsiasi dispositivo client senza che ne sia consapevole. Il sistema dovrebbe funzionare bene, non dovrebbero esserci tempi di latenza o perdita di pacchetto. Dovrebbe essere il miglior metodo per servizi come VoIP e Steaming La rete va ad utilizzare un singolo intervallo di frequenza. Se i gli AP/Ripetitori sono di tipo intelligente, possono evitare automaticamente collisioni di pacchetto (almeno per i dati che inviano) I dispositivi vengono commutati al piu’ vicino punto che sia un AP o Ripetitore immediatamente facendo in modo che i client abbiamo sempre la potenza di segnale ottimale.

Contro:

Richiede Hardware molto specializzato Non si ha controllo di dove un client possa connettersi Il processo in questione e’ lo “Zero Handoff Roaming”. Se i vostri AP o Ripetitori non lo posseggono nelle caratteristiche ….. non potete che scegliere le altre due soluzioni…

ampliare copertura WiFi ? Si ! 🙂

Creative Commons License